Gli alberi intorno

8 febbraio, 2017 § 1 Commento

20170208_075937 E’ d’inverno che gli alberi rivelano la loro storia nel disegno nitido dei rami  contro il cielo. Gli alberi nudi sono sempre incantevoli, si impongono allo sguardo come opere d’arte della natura, sembrano incisioni antiche o stampe giapponesi. Mi fermo a guardarli ai margini delle strade, li vedo isolati o in gruppo, nei campi e nei cortili, e vorrei trovare il tempo per disegnarli: qualche segno a matita, la giusta gradazione delle ombre e delle sfumature. I rami raccontano storie simili a quelle degli uomini: slanci e tagli dissennati, tentativi e storture, adattamenti imposti dalle circostanze. I sempreverdi si arrampicano sui tronchi esausti e ne mascherano la bellezza. Queste storie sarebbero state meno interessanti se fosse andato sempre tutto nel verso giusto.

Mi piace riconoscere l’umanità degli alberi d’inverno. So di sbagliare, eppure è forte la tentazione di attribuire comportamenti antropomorfi ai giganti del regno vegetale, riconoscere in loro una forma di intelligenza, o perlomeno un volontà, perfino degli stati d’animo. Sarà pure possibile un’etologia delle piante, ma non è al passo con l’etologia propriamente detta, che si occupa di animali, perché l’osservazione degli alberi richiede tempi lunghissimi ed un atteggiamento contemplativo lontano dalla sensibilità corrente. D’altro canto non sembra opportuno dedicare tempo e risorse allo studio degli alberi, visto che questi sforzi non hanno lo scopo di aumentare il valore d’uso delle piante, identificato schematicamente in legna, ombra e ornamento. In fatto di alberi manca una solida tradizione scientifica, mentre le tentazioni animistiche sono sempre in agguato.20170209_121547A colmare almeno in parte queste lacune ci ha pensato il libro di Peter Wohlleben, ex guardia forestale tedesca che ha deciso di coltivare una foresta vergine, per lasciare gli alberi liberi di crescere senza potature e senza altri interventi umani che interpretano il benessere delle piante in funzione di schematici valori d’uso. Pur senza troppi appoggi scientifici, gli spunti di questo attento osservatore aprono orizzonti incredibili. Dovremmo superare almeno il preconcetto degli alberi come creature solitarie, vista la rete di relazione che essi sono in grado di creare fra loro, perfino a distanza di centinaia di metri l’uno dall’altro, con messaggi di tipo olfattivo e con ragnatele di fili sotterranei che collegano le radici, scambiando così messaggi, alimenti e difese immunitarie contro gli attacchi dei parassiti. Per gli alberi non si può parlare di sistema nervoso, tantomeno di cervello, ma nelle loro radici c’è qualcosa da scoprire che assomiglia ad una centrale di controllo.

Gli alberi della stessa specie si sostengono a vicenda e si propagano nel territorio con strategie funzionali al successo della specie, tuttavia così lentamente da sfuggire agli osservatori del regno animale, abituati a fulminee lotte per la sopravvivenza. L’evoluzione per selezione naturale avviene anche nei boschi: l’individuo arboreo è immobile, ancorato a terra, ma le foreste si muovono e ingaggiano lotte con altre specie arboree su tempi millenari. Il bosco, creatura intermedia fra l’indivuduo e la specie, gioca un ruolo importante nell’evoluzione delle piante. Gli alberi non sanno nulla dell’individualismo degli animali, dove la competizione fra i membri della stessa specie è il motore della selezione naturale. Cosa avrebbe scritto Charles Darwin se si fosse occupato di piante, anziché di animali? Sarebbe un bel gioco capovolgere la prospettiva ed osservare non solo gli animali, ma anche gli umani, dal punto di vista degli alberi.20170211_145322

Annunci

Tag:

§ Una risposta a Gli alberi intorno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Gli alberi intorno su ...I've got a project!.

Meta