Norimberga I

31 agosto, 2014 § Lascia un commento

DSCN2821Anche la Germania non è più quella di una volta. Il treno con cui ho attraversato le Alpi è arrivato a Monaco con un’ora di ritardo, a causa di un controllo di polizia che ha bloccato proprio noi dopo il confine. Giovani gendarmi biondicci indossavano guanti di plastica azzurra e avevano l’aria quieta di chi è cresciuto in tempi civili. Ma le facce di chi era stato invitato a scendere sul marciapiede raccontavano storie diverse: famiglie arabe, Africani dall’aria assente in attesa d’identificazione. La pace dell’Europa per sessant’anni si è fatta forza con l’integrazione e l’integrazione regge se ognuno ha un posto nella società. Ma ci sarà davvero posto per tutti? Dopo la guerra ci vollero dieci anni per rialzare le chiese monumentali di Norimberga. Fecero un lavoro perfetto, per cancellare le devastazioni e ritrovare la bellezza originale. Ma a molti oggi dispiace non aver lasciato nei muri i segni della seconda guerra. Così in città sono tante le foto delle distruzioni, montate sui pannelli, agli angoli delle strade e nelle chiese, per non dimenticare; come a dire: finché ci ricorderemo dell’altra guerra, non ci sarà spazio per quella strana nuova violenza che si profila all’orizzonte. Forse basterà. Forse no.

DSCN2413

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Norimberga I su ...I've got a project!.

Meta