Che ci faccio qui

21 giugno, 2010 § Lascia un commento

Ed eccomi di nuovo a Berlino…   Sono tornato per riprendere il filo di una storia e riportare a casa quella parte di me stesso che era rimasta a spasso in queste strade, in attesa di un’evoluzione imprevedibile.  Sono qui per un altro corso di tedesco, stavolta all’International Haus di Schoeneberg, letteralmente dietro casa:  ci vado  ogni giorno in bicicletta, da Adolf-Scheidt Platz, attraverso il ponte di Kolonnenstrasse, fino a Schoeneberg, lì dove secondo i progetti giganti del dittatore, nel 1939 sarebbe dovuto sorgere l’arco trionfale della Germania del futuro, da fare ombra alla città storica.  Nel verde di un giardino sul tragitto in  bicicletta, incombe un torrione rotondo e strano come un bunker, il solo residuo di quella volontà di cemento armato, interrotta da altre armi che non diedero spazio ai sogni e agli incubi di Hitler. Dalla parte opposta, verso Neukoelln, l’aereoporto di Tempelhof adesso è un parco urbano. Di domenica le biciclette percorrono le piste dove fino a due anni fa decollavano gli aerei. La città appare lontana, sommersa da una natura rigogliosa, come ai tempi del primo volo dei fratelli Wright.

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Che cos'è?

Stai leggendo Che ci faccio qui su ...I've got a project!.

Meta